Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Oggi vi parliamo di una importante novità nel campo della classificazione degli impianti elettrici residenziali: è la variante alla norma CEI 64-8, introdotta di recente con l'obettivo di incrementare il livello di sicurezza delle nostre abitazioni.

Nel dettaglio, è stato aggiunto l'allegato A (ambienti residenziali – prestazioni dell’impianto) che opera una nuova classificazione in tre livelli a seconda delle prestazioni raggiunte.


1° Livello: rappresenta la configurazione minima che un impianto deve avere per poter essere considerato a norma. Questa tipologia prevede un numero minimo di punti prese e punti luce in funzione della metratura e del tipo di ogni locale dell’abitazione, un minimo di circuiti in base alla metratura dell’appartamento e almeno 2 interruttori differenziali per garantire una sufficiente continuità di servizio.

2° Livello: prevede un aumento della dotazione e dei componenti, oltre che alcuni servizi ausiliari come il videocitofono, l’anti-intrusione e il controllo carichi.

3° Livello: introduce la domotica, con grandi vantaggi per l'utente finale in termini di risparmio energetico all’interno dell’abitazione. Per essere considerato domotico, l’impianto deve gestire almeno quattro delle seguenti funzioni: anti-intrusione, controllo carichi, gestione e comando delle luci, gestione della temperatura, gestione degli scenari, controllo remoto, sistema di diffusione sonora, rilevazione degli incendi, sistema antiallagamento e rilevazione di gas.


La dichiarazione di conformità va rilasciata in base alla norma rinnovata. Gli utenti che contattano un tecnico, per installare o rinnovare un impianto elettrico, potranno quindi sceglierne anche il livello di prestazione.

Con i nuovi strumenti potranno essere contrastati in modo più efficiente gli incidenti domestici. Secondo le rilevazioni riportate da Prosiel, associazione per la promozione della sicurezza elettrica, sono oltre 45 mila all’anno gli infortuni dovuti ad impianti elettrici domestici mal funzionanti.
E ancora oggi sono circa 12 milioni il numero di abitazioni con impianti non ancora a norma.



Ti è piaciuta questa pagina? Condividila con noi